Note di degustazione

VINO A SORSI DI MUSICA
4 incontri tutti da scoprire

Sei vini;
una giornalista e critica enogastronomica;
un musicista:
una degustazione mai realizzata prima d’ora.

Gli incontri si propongono di confutare le classificazioni contemporanee ed affrontare indole e carattere di ogni vino!

Ogni evento prevede la degustazione di 6 vini, che saranno serviti “alla cieca” per non influenzare con la mente il palato.

Ogni vino sarà accompagnato da una specifica melodia suonata da un musicista per amplificare nell’ascoltatore le stesse sensazioni prodotte dal gusto.

Ogni vino sarà presentato, discusso, assaggiato e vissuto con la giornalista e critica gastronomica Leila Salimbeni.

Solo a fine serata saranno svelati i nomi, le etichette, e i titoli delle melodie che li accompagnavano.

Leila Salimbeni

Giornalista e critica gastronomica

Firma di numerose pubblicazioni nel mondo della stampa di settore, Leila Salimbeni è giornalista e scrittrice di settore enogastronomico.
Un percorso accademico coronato da una tesi sperimentale in semiotica dei consumi sull’Osteria Francescana  l’ha portata a inaugurare solide collaborazioni con l’Espresso e con Passione Gourmet, di cui è caporedattore, mentre dal 2019 è alla direzione del coordinamento editoriale di Spirito diVino

Dal vino rubato di nascosto da bambina alla tesi in semiotica sull’Osteria Francescana; dall’incontro con Andrea Grignaffini ai progetti di Passione Gourmet e Spirito diVino. 

Ogni serata sarà accompagnata
da uno strumento

La degustazione sarà condotta
dalla giornalista e critica gastronomica
Leila Salimbeni

Violino
Tensione e Attrito

Sabato 17 Dicembre 2022 ore 20:00

con Ivan Di Dia

Nel vino, come nella vita e così in musica, tutto è determinato dall’attrito, che presiede tanto alla forza di gravità quanto al suono che sortisce da un violino quando l’archetto, premendo, fa attrito, appunto, sulle corde.

Il vino funziona nello stesso modo: una forza meccanica pigia gli acini i quali rilasciano, per compressione e attrito, le loro sostanze.

A livello percettivo, l’attrito lo esperiamo soprattutto grazie al tatto, e nella degustazione del vino sulla lingua, che ci permette di coglierne appunto le qualità tattili. Ma non solo. Perché anche la tensione, ovvero la compattezza, sono nel vino, così come negli esseri umani, qualità che si possono esperire solo tramite pressione e attrito.

Per questo motivo ci misureremo nel corso di questa serata con vini – di tutte le tipologie – che mi hanno ispirato nel tempo queste sensazioni, soverchiando ogni approccio canonico alla degustazione.

Scopri come è andata la scorsa volta…


Flauto
Aria e Respiro

Sabato 21 Gennaio 2022 ore 20:00

con Clara Cocco

Il respiro, la nostra interazione con un elemento come l’ossigeno che – assieme all’acqua – è vitale per la nostra specie, è alla base della degustazione di questa sera.

Se l’anno scorso avevamo privilegiato vini spumanti o frizzanti, ovvero capaci di introiettare l’aria – anche se invero si tratta di CO2 – nella loro materia, quest’anno allargheremo il campo, astraendo ulteriormente dalla dimensione analogica.

Ci dedicheremo pertanto a vini che l’ariosità, o il respiro, l’hanno incarnato nella trama stessa della loro struttura, contemplando a tal proposito nettari sia bianchi che rossi oltre a, ovviamente, anche spumanti.

Lo faremo senza preclusioni di sorta, ma anzi coadiuvati dalle virtù del flauto, strumento che più di tutti appare sostenersi grazie alla relazione con l’aria o, meglio, col fiato: parola con cui condivide, peraltro, la stessa radice etimologica.

Scopri come è andata la scorsa volta…


Pianoforte
Struttura ed Estrazione

Sabato 18 Febbraio 2023 ore 20:00

Giancarlo Aquilini

Il pianoforte ambisce, come tutti gli strumenti musicali, a emulare il battito del cuore, quello percepito dal neonato, ancora nel grembo materno.

A partire da questa necessità Bartolomeo Cristofori sviluppò per primo, nel 1698, l’idea di un clavicembalo le cui corde, percosse da martelletti, fossero in grado di trasmettere la forza o la leggerezza del tocco umano. Fu una rivoluzione non tanto per i suoi contemporanei – Händel, Bach, Couperin – che lo ignorarono, ma per i successivi Mozart, Liszt, Chopin, Satie, per cui il pianoforte divenne lo strumento musicale per eccellenza e la sua storia, scritta con cinquantadue tasti bianchi e trentasei tasti neri, finì per coincidere con la storia stessa della musica.

La sua natura, fatta tanto di gravità quanto di leggerezza, del tocco, del battito, del ritmo, esiste anche nel vino, che proprio in virtù di questa pressione può essere più o meno estratto, più o meno strutturato. In degustazione, dunque, una carrellata di vini il cui rapporto col tocco umano – la pressione esercitata – appare lapalissiano.

Scopri come è andata la scorsa volta…


Ensemble

Sabato 18 Marzo 2023 ore 20:00

Ivan Di Dia, Clara Cocco,
Giancarlo Aquilini, ed Annapia Capurso

Abbinamento  tra vino e musica, un abbinamento possibile?
Sì, l’abbiamo fatto finora.
Prima col violino, poi col flauto, quindi col piano e, oggi,
con tutti questi strumenti, tutti assieme, più la voce.
Una voce che si fa strumento,
mentre gli strumenti si fanno voce.
Veicolo di emozioni che il vino – e stavolta assaggeremo
vini tutti molto diversi tra loro – ha il compito di enfatizzare, di suggellare,
perfino, all’interno di una dimensione profondamente emotiva,
animistica, certamente personale ma, proprio per questo, anche universale.  

Dove saranno gli eventi

Via Armando Quadri 2/E Bologna

SIMPOSI

Contattaci completando il modulo di seguito
ed indicando indicando le serate a cui parteciperai!

Dove siamo

Via Armando Quadri 2/E Bologna

VEDI ANCHE…

Non perdere i prossimi eventi!